Villa Petraia

ZAMPAGLIONE
VILLA PETRAIA
VILLA PETRAIA 1
VILLA PETRAIA 2
VILLA PETRAIA3
DSCN1793
 
DSCN1795
 
petraia arredo 3
 
VILLA PETRAIA 4
petraia arredo copia
petraia arredo 5
1 (20)
\GIOVANNI-PCGiovanniDesktop�3 PIANTE SEZIONI PROSPETTIfeder
 –
Fredi Tav2E
Progetto architettonico: Arch. Gianfranco Sangalli con la collaborazione dell’arch. Stevan Tesic
Progetto strutturale: Ing. Donato Aquilino
Cliente: Privato
Località: località Ronchi, Brescia, Italia
Superficie: edificio mq 875,00
Progetto: 2002 – 2004
Stato: realizzato  2004 – 2006
L’area sulla quale è sorto l’edificio possedeva già un elevato grado di definizione: perimetrata dal muro che costeggia Via Canalotto e definita verso valle dalla strada di lottizzazione asservita ad altra proprietà che confina con un terrazzamento, elemento storico della trasformazione a terreno agricolo dei Rochi.
La presenza di questi elementi assegnano all’area una precisa connotazione con la quale la nuova costruzione ha inteso dialogare e rapportarsi, proponendo un linguaggio architettonico contestuale ed elementi strutturanti che appartengono al luogo, quali terrazzamenti e muri in pietra.
Il progetto prevede un impianto planimetrico che si articola su tre lati e definisce al centro un ampio patio sul quale si affaccia la zona giorno e che consente all’edificio di ritrovare la propria intimità rispetto alla strada di lottizzazione.
La zona notte è ubicata al piano primo e si sviluppa su tutto il corpo posto a nord e su una porzione di quello ad est ed è collegata al piano terra da una scala che conduce anche al piano interrato.
I fronti rivestiti in pietra si rapportano ai terrazzamenti tipici della zona e si elevano ad elementi architettonici che ne costituiscono la tipologia.
Diventano “fronti-prospetti” articolati da un ritmo che scandisce la prevalenza dei pieni e la misuratezza dei vuoti.
Il disegno del suolo diviene tutt’uno con la geometria della pianta della casa-patio, intensificando i rapporti tra volumi articolati della casa e gli spazi circostanti.
I rapporti spaziali e funzionali tra le parti del fabbricato e la corte, i patii e i giardini circostanti sono complementari e specifici poiché ogni spazio interagisce con gli elementi architettonici che lo definiscono.

 

 

 



I commenti sono chiusi.